Blog e Didattica

di Alessandra Di Carlo e Miranda Prinzivalli, studentesse SISSIS VI ciclo di Palermo, classe A060

mercoledì, luglio 20, 2005

Alcune riflessioni

Ci sarebbe altro da dire riguardo ai blogs utilizzati in campo didattico, ma domani c'è l'esame e non c'è più tempo... Però volevamo fare qualche riflessione sull'argomento.
Essendo il blog uno strumento affermatosi da poco, soprattutto nell’ambiente scolastico, molte delle sue potenzialità sono ancora da scoprire, ma sono già chiari molti dei suoi utilizzi. Ogni docente deve trovare la sua ricetta personale per inserire la pratica del blog nella sua attività didattica, valutando caso per caso se sia ad esempio più importante favorire l’esperienza collettiva dell’intera classe o del singolo individuo. A nostro avviso la migliore esperienza è quella mista in quanto permette di sviluppare entrambe le due dimensioni, quella personale e quella collettiva.
Le possibilità di utilizzo in ambito scolastico sono enormi, basta solo dare spazio all’immaginazione...

In bocca al lupo per l'esame! e speriamo nella clemenza della corte... :)))

Oltre la scuola

Se guardiamo in modo più lungimirante all'utilizzo di una tecnologia informatica quale il blog possiamo vedere come oltre a perseguire obiettivi scolastici, costruendo dei blogs gli studenti possono raggiungere, al tempo stesso, degli obiettivi professionali. Infatti i blogs possono essere modificati attraverso l'uso avanzato del codice HTML. Stimolando gli studenti è quindi possibile far si che essi approfondiscano le loro capacità di "content manager" (gestione dei contenuti) e di "web designer" (realizzazione di siti web), il tutto tramite lavori on line che, sul piano professionale, si presentano come dei portfolio elettronici.
Ed è proprio questo che la scuola vuole oggi più di ieri, formare non solo dei buoni studenti ma soprattutto persone preparate dal punto di vista professionale.

Utilizzi e vantaggi del blog per un docente

Molti sono gli utilizzi che possono essere fatti del blog in ambito didattico: il docente può usare un blog per scambiare dati e informazioni con i colleghi, usando le pagine come archivio di unità didattiche o di percorsi disciplinari; può creare blog direttamente rivolti agli alunni della classe, nei quali deporre i contenuti disciplinari, o anche solo i compiti che gli alunni devono presentare, o con ambedue gli aspetti, rendendo disponibili aree apposite nel blog. Con il blog il docente ha l'opportunità di mantenere dei rapporti costanti con le famiglie alle quali esporre, quando necessario, tutte le problematiche riguardanti gli studenti.
Ed ancora, un docente che utilizza blog sarà avvantaggiato in quanto può, leggendo regolarmente il blog della classe aver modo di valutare, in modo immediato e continuo, il livello di apprendimento e di progresso degli studenti. Inoltre, attraverso il blog, si riesce a conoscere meglio la personalità degli studenti, a valutare il loro interesse e le loro esigenze formative. Questo permette al docente di strutturare la sua attività in maniera “dinamica”, ritoccando, se occorre, il proprio programma per venir meglio incontro alle necessità reali della classe,
gestire il portfolio degli allievi, mantenere i contatti con gli studenti assenti per malattia o altro,...

wikipedia rivisitata...

Per tutti, ma in particolare per i colleghi che si occupano di wikipedia, guardate un pò questo sito "Wikipedia, l'enciclopedia libbira".
Ciao a tutti, Alessandra

martedì, luglio 19, 2005

Non solo scuole secondarie

Se pensavate che il blog potesse essere realizzato solo nelle scuole secondarie vi sbagliate di grosso. Siamo rimaste piacevolmente colpite ed anche stupite in realtà, nel visitare il blog realizzato presso la scuola primaria di Lodi, "il grillo parlante". Se questo è quello che riescono a fare con i bambini delle scuole elementari, non riusciamo ad immaginare cosa fanno i ragazzi più grandi...ma che sono, tutti geni?!!!!

Premio Ignobel

Bloggando bloggando abbiamo trovato una notizia curiosa: a partire dal 1991, l'Harward University ha assegnato i premi IGnobel a ricerche che prima fanno ridere, poi pensare. Fra le varie ricerche: "studi veri, ma assurdi, ingegnosi eppure stupidi", queste le caratteristiche delle scoperte vincitrici dei contro-Nobel, quelle di una studentessa di una scuola superiore di agricoltura, Jillian Clarke, che ha cercato di verficare sperimentalmente "la regola dei cinque secondi", ben nota negli USA: in due parole la "regola"sostiene che se si raccoglie entro cinque secondi un frammento di cibo (diciamo un cioccolatino) caduto sul pavimento, lo si può mangiare tranquillamente, dopo no.
Certo, sta a vedere dove cade, no?!!

Motivare gli studenti

Uno dei principali obiettivi che un insegnante deve perseguire per il successo scolastico degli studenti è quello di riuscire a motivarli allo studio.
Per far ciò i docenti devono riuscire a mettere in contatto ciò che i ragazzi fanno fuori dalla scuola con ciò che si propone dentro la classe.
Per divertimento loro scrivono mail, chattano, navigano in internet anche per delle ore ricercando notizie e materiali di loro interesse, mentre a scuola gli studenti leggono e scrivono malvolentieri.
Il blog può essere lo strumento mediatore. Scrivere per il blog della classe, leggere per il blog della classe, è sentito come attività diversa, rispetto alla solita didattica. Un blog è uno spazio di lavoro molto diverso dallo spazio-classe: è più libero, meno obbligante, più aperto.

Curiosità sull'origine e diffusione dei blogs

Tutti avete il vostro blog, ma conoscete il suo significato e la sua origine?
Blog è la contrazione del termine Web Log che letteralmente vuol dire “registro di rete”, ovvero “traccia su rete”. Il blog è un diario on-line. Come tale, un Blog è personale ma nello stesso tempo è pubblico. Personale nel senso che è tuo e te lo gestisci tu come vuoi. Pubblico nel senso che possono leggerlo tutti.
Il termine weblog è stato creato da Jon Barner nel dicembre del 1997. La versione tronca Blog è stata creata da Peter Merholz che nel 1999 ha usato la frase "we blog" nel suo sito, dando origine al verbo "to blog" (ovvero: bloggare, scrivere un blog). Il fenomeno ha quindi iniziato a prendere piede nel 1997 in America ma, nel 2001, è divenuto una moda anche in Italia, con la nascita dei primi servizi gratuiti dedicati alla gestione di blog. Secondo Technorati, un motore di ricerca specializzato nel tenere d'occhio i blog, il fenomeno è in crescita costante: da 100.000 blog registrati dal motore nel 2002, siamo arrivati a 4 milioni nel 2004.

lunedì, luglio 18, 2005

Blog per tutti

Cercando il materiale sui blog mi sono accorta che esistono blog per tutti i gusti e di tutti i generi: blog tematici in cui si incontrano persone con interessi comuni, blog politici utilizzati appunto dai politici per comunicare con i cittadini, photoblog o videoblog in cui si trovano, rispettivamente, fotografie o filmati anzicchè parole. Ed ancora blog di musica, di attualità, umoristici e satirici.
Per non dimenticare i blog utilizzati in termini didattici, che, in fondo, è quello che a noi interessa maggiormente.
Insomma, basta solo un pò di fantasia per creare un nuovo tipo di blog, unico ed originale.....

Perchè fare un blog?

Ad ognuno di noi piace comunicare, dire la propria opinione, lasciare una traccia di sé, ed il web è in grado di dare questa opportunità. Ma fino a qualche tempo fa era molto più difficile e solo pochi erano gli “eletti” in grado di costruire un sito tradizionale. La facilità con cui si crea un blog (ed anche la sua gratuità) invece ha dato questa opportunità a molti ed ha fatto si che esso si sia diffuso velocemente: non è richiesta nessuna competenza tecnica e non si deve scrivere nessuna riga di codice Html.
E così, in modo molto semplice, come se si stesse scrivendo una lettera, si possono scrivere in tempo reale le nostre riflessioni e le nostre idee; si possono pubblicare notizie, informazioni e storie di ogni genere, aggiungendo, se si desidera, dei link.
Ma questo voi lo sapete dato che ognuno di voi, come me, ha il suo bel blog...

Eccoci qua!

Eccoci qua, finalmente anche noi con il nostro blog.
In questo spazio parleremo di come un blog possa essere utile per la didattica, o almeno proveremo a farlo...
E speriamo di riuscire a farlo in modo non troppo formale... in fondo un blog non è altro che un diario.
Momentaneamente vi diamo solo un saluto di benvenuto, e se sapete anche voi qualcosa sull'utilizzo dei blog in didattica, postateci.
Ciao a tutti.